Mille alberi per Torino

  Negli ultimi decenni si sono sviluppate esperienze di volontariato qualitativamente e numericamente significative ossia di cittadini e cittadine che chiedono o accettano di collaborare, volontariamente e in modo assolutamente gratuito, con la propria Amministrazione, in progetti volti a migliorare la qualità della vita nella propria città, senza l’intermediazione di un’associazione. 

Nel panorama italiano, il Comune di Torino rappresenta un’eccezione, in quanto è la prima grande città che ha previsto, sostenuto e disciplinato il volontariato civico già da molti anni. Nel 1997, infatti, il Consiglio Comunale, nella delibera del 10 marzo 1997 n. mecc. 00493/19 “Rapporti con il volontariato organizzato e con il volontariato civico” ha preso atto della “presenza di una offerta da parte di un numero consistente di cittadini, che, in quanto singoli, desiderino collaborare con i servizi pubblici, impegnandosi in attività che potremmo denominare “Volontariato Civico’”.  

Dal 1997 ad oggi la città ha promosso e sostenuto numerosi e diversificati progetti di volontariato civico in ambito educativo, culturale, turistico, ambientale e sociale, ed anche a sostegno di grandi eventi. Tra questi spiccano recenti esperienze di forestazione urbana partecipata nell’ambito dell’iniziativa 1000 Alberi per Torino che ha visto ad oggi la messa a dimora di quasi 2.000 alberi da parte della cittadinanza in coordinamento con i tecnici del Servizio Verde Pubblico della Città di Torino.

Il progetto, promosso dalla Sindaca di Torino Chiara Appendino e dall’Assessore all’Ambiente e Verde prevede la realizzazione di una piantumazione condivisa tra tecnici della città e gruppi di cittadini di nuovi alberi, in un arco temporale di cinque anni, in tutte le Circoscrizioni: una cura partecipata del territorio cui sono invitati a partecipare tutti i cittadini che condividono una giornata di lavoro per piantare gli alberi, di cui poi saranno anche custodi e guardiani durante la loro crescita.

In tali occasioni il Servizio Verde Pubblico della Città di Torino ha messo a disposizione dei cittadini piante, pale e zappe.

Il primo passo del progetto “Mille alberi per Torino” è stato fatto domenica 20 novembre del 2016, quando in occasione della Giornata Nazionale Degli Alberi (il 21 novembre è il giorno dedicato alla Festa nazionale dell’Albero, istituita dalla Legge 10/2013), sono stati piantati dai cittadini 200 nuovi alberi in un’area verde di Lungo Stura Lazio in collaborazione con i tecnici del Comune, la Diocesi di Torino, la Circoscrizione 6, il gruppo Badili Badola Guerrilla Gardening (Official) Turin e l’associazione Il Tuo Parco.

Il secondo passo del progetto è stato fatto Domenica 14 maggio 2017 in via Zino Zini: in tale occasione sono stati piantati dai cittadini 250 nuovi alberi in collaborazione con i tecnici del Comune, la Circoscrizione 8, la Protezione Civile e il gruppo Badili Badola Guerrilla Gardening (Official)Turin.

Gli alberi piantati in lungo Stura Lazio ed in via Zino Zini, saranno in futuro i frondosi filari di due alberate.

Domenica 19 novembre 2017, sempre in occasione della Giornata Nazionale dell’Albero, in un terreno nella Circoscrizione 2, nei pressi dell’inceneritore del Gerbido, sono stati piantati dai cittadini 600 nuovi alberi, in collaborazione con i tecnici del Comune, i volontari del progetto Senior civico e del progetto Giovani per Torino e il gruppo Badili Badola Guerrilla Gardening (Official) Turin.

Il quarto appuntamento dell’iniziativa si è svolta in data 27 maggio 2018 nel corso della quale sono  stati piantati dai cittadini 600 nuovi alberi – che si aggiungono agli altri 600 piantati a novembre 2017- nello spazio verde di via Gorini 50, nei pressi dell’inceneritore. L’intervento si è svolto in collaborazione con i tecnici del Comune e il gruppo Badili Badola Guerrilla Gardening (Official) Turin.

Una parte degli alberi che sono stati messi a dimora in via Gorini è stata acquistata grazie al contributo di compensazione della “carbon footprint”, dalla società IRIS srl, nell’ambito del progetto di ricerca “BOREALIS”: un laboratorio condiviso a livello europeo da centri di ricerca di sei Paesi e finanziato dall’Unione europea (Horizon 2020, Grant Agreement n. 636992) per realizzare una macchina in grado di produrre componenti metallici complessi in “produzione additiva”, ovvero con tecniche di stampa in 3D. L’intervento di Borealis ha previsto il contributo alla Città di Torino di seimila euro per l’acquisto e la messa a dimora di alberi, che sono stati piantati in via Gorini.

L’iniziativa è poi continuata domenica 18 novembre 2018: in tale occasione sono stati piantati dai cittadini 260 nuovi alberi nel Parco Dora, area ex Michelin (tra il centro commerciale e la Dora).

PIANO DELL’INFRASTRUTTURA VERDE

 

Notizie Correlate

30 Ago 2021
VERDECITTÀ arriva a Torino: da venerdì 3 a domenica 5 settembre il progetto del Mipaaf (Ministero delle politiche agricole alimentari... Leggi di più
09 Ago 2021
Riqualificare il quartiere sperimentando soluzioni volte a contrastare l’effetto isola di calore e utili alla gestione delle acque piovane e... Leggi di più
09 Ago 2021
Proseguono nel mese di agosto le attività nei mercati delle Sentinelle Salvacibo per RePoPP, progetto sostenuto da Città di Torino,... Leggi di più