Mobilità attiva

La Città di Torino è impegnata da diversi anni nella promozione della mobilità attiva come forma di spostamento sostenibile all’interno della città. La pianificazione della rete dei percorsi ciclabili iniziata alla fine degli anni 90’ è oggi giorno attiva con la redazione del futuro biciplan metropolitano che prenderà il posto del vigente biciplan approvato dal Consiglio Comunale nel 2013.

Pista ciclabile di Via Nizza

 

Il Biciplan del 2013 identificava una maglia di percorsi ciclabili costituiti da direttrici e circolari che attraversano tutto il tessuto urbano cittadino, la rete così definita rappresenta il nucleo portante cittadino che, supportato da una rete di percorsi secondari più capillari costituisce l’intera infrastruttura ciclistica della Città di Torino. La predisposizione di percorsi continui, sicuri, rettilinei e diffusi capillarmente su tutto il territorio cittadino si pone l’obiettivo di fornire una valida ed efficiente alternativa all’utilizzo degli spostamenti sistematici all’interno della città.

 

Nel corso del 2020, grazie al decreto Ciclovie Urbane, approvato dal Ministero dei Trasporti, la pianificazione dei percorsi e la conseguente realizzazione si è focalizzata maggiormente sui percorsi di penetrazione metropolitana, andando a progettare ed a realizzare nei prossimi mesi degli assi portanti di collegamento tra la Città di Torino ed i comuni contermini con l’obiettivo di ridistribuire lo share modale tra le diverse modalità di trasporto, incentivando quindi il mezzo ciclistico per spostamenti metropolitani.

Nel corso del 2020 sono state introdotte importanti novità al Codice della Strada che hanno spinto la città di Torino di iniziare ad implementare soluzioni infrastrutturali quali le case avanzate o linea di arresto avanzata per le biciclette e le corsie ciclabili, permettendo quindi la connessione di percorsi ciclabili esistenti tramite interventi leggeri e velocemente realizzabili.

Casa Avanzata o linea di arresto avanzata per biciclette – corso Francia

All’interno della Città di Torino, la promozione della mobilità attiva, quindi quella ciclabile e pedonale passa anche attraverso la realizzazione di interventi di moderazione del traffico quali zone 30 e aree pedonali. Nel corso degli ultimi 15 anni, la città ha aumentato in modo graduale la presenza di spazi pedonali all’interno dell’area centrale, negli ultimi anni, gli interventi di pedonalizzazioni hanno iniziato ad interessare anche la aree limitrofe al centro, in particolare grazie a progetti come il “Torino Mobility Lab” e il Pon Metro (2014-2020) sono stati già realizzati ed altri sono al momento in via di esecuzione, interventi di pedonalizzazione dei quartieri di San Salvario, Vanchiglia, San Donato, San Paolo, Nizza – Millefonti e Borgo Vecchio Campidoglio.

 

Area pedonale – Corso Marconi

 

La realizzazione di interventi di moderazione del traffico quali zone 30, pedonalizzazioni e percorsi ciclabili mirano ad attivare cambiamenti di abitudini nella mobilità quotidiana.

Diversi studi internazionali e casi studio Europei ed Italiani hanno dimostrato che camminando e/o andando in bicicletta per almeno 20-30 minuti al giorno si hanno importanti benefici in termini di salute ed aspettativa di vita rispetto ad una vita più sedentaria e quindi legata a scelte di mobilità che prevedono un utilizzo esclusivo del mezzo motorizzato privato.

Notizie Correlate

30 Ago 2021
VERDECITTÀ arriva a Torino: da venerdì 3 a domenica 5 settembre il progetto del Mipaaf (Ministero delle politiche agricole alimentari... Leggi di più
09 Ago 2021
Riqualificare il quartiere sperimentando soluzioni volte a contrastare l’effetto isola di calore e utili alla gestione delle acque piovane e... Leggi di più
09 Ago 2021
Proseguono nel mese di agosto le attività nei mercati delle Sentinelle Salvacibo per RePoPP, progetto sostenuto da Città di Torino,... Leggi di più