Progetto EU LIFE DERRIS

Torino è stato il primo comune italiano ad aver aderito al progetto DERRIS (DisastEr Risk Reduction InSurance – DERRIS – LIFE14 CCA/IT/000650), progetto finalizzato alla prevenzione e riduzione del rischio nelle piccole e medie imprese derivante da catastrofi ambientali legate al cambiamento climatico.

Nell’ambito del Progetto, per la prima volta, Pubblica Amministrazione, imprese e settore assicurativo hanno collaborato nella riduzione dei rischi causati da eventi climatici straordinari, cercando di creare modelli innovativi di partnership pubblico-privato finalizzati ad incrementare la tutela del territorio e sviluppare la resilienza. In particolare, il focus del Progetto è stato quello di incrementare la resilienza delle PMI, sulle quali incidono in modo significativo gli impatti degli eventi climatici sempre più intensi, anche perché le PMI non hanno adeguati strumenti di valutazione e gestione di questi fenomeni. Infatti, il 90% delle PMI (fonte AIBA – Associazione Italiana Broker di Assicurazione) che, in conseguenza di un evento catastrofale, sono costrette a interrompere la produzione per più di una settimana, falliscono entro un anno. Il progetto Derris ha analizzato 7 pericoli climatici principali (temperature, alluvioni, pioggia, vento, grandine, fulmini, frane) che colpiscono o possono colpire un numero significativo di imprese in diverse aree del nostro Paese.

All’interno del Progetto, Torino ha rappresentato l’ambito territoriale in cui si è svolta l’esperienza pilota. Sono state realizzate una serie di azioni (percorso formativo e sopralluoghi in azienda) per trasferire competenze di valutazione e gestione del rischio di eventi catastrofici, la costruzione e diffusione di strumenti per ridurre al minimo i danni sia a livello di singola azienda (come il piano di adattamento aziendale) sia di distretto di imprese (come il piano integrato di adattamento di distretto – IDAP). Queste azioni sono state testate con le imprese torinesi per poi essere diffuse su tutto il territorio italiano.

Logo progetto Life Derris

Nel progetto pilota “Torino che Protegge” sono state coinvolte 30 PMI con sede nell’area di sperimentazione, localizzata nella parte nord della città.

 

In qualsiasi tipo di impresa e indipendentemente dalla sua dimensione, la normale attività dei processi aziendali può essere scossa da eventi inattesi che possono creare situazioni di emergenza. Molti eventi climatici possono innescare situazioni di crisi, con risvolti sulla capacità produttività dell’impresa, sulla sua competitività sul mercato, sulla sua immagine e reputazione. Quando si verificano situazioni di crisi, il grado di preparazione e la capacità di gestione sono fondamentali per la sopravvivenza dell’impresa.

Le PMI, che hanno deciso volontariamente di seguire il percorso proposto all’interno del Progetto partecipando alla sperimentazione pilota, hanno predisposto, con l’utilizzo del CRAM tool (uno strumento di autovalutazione sviluppato nell’ambito del progetto Derris e oggi disponibile sul web per tutte le PMI in Italia), i loro piani d’azione per l’adattamento ai cambiamenti climatici (CAAP – Company Adaptation Action Plan). Ciascuna azienda ha individuato le azioni (in media una ventina) da mettere in atto per ridurre la propria vulnerabilità a eventi climatici più o meno pericolosi: alcuni interventi riguardano la protezione dei beni fisici aziendali, come impianti e macchinari; altri riguardano la gestione e l’organizzazione aziendale; alcune misure fondamentali riguardano, infine, la gestione delle emergenze.

Nell’ambito di DERRIS, Torino ha predisposto un Piano Integrato di adattamento ai cambiamenti climatici relativo all’area del pilota (IDAP – Integrated District Adaptation Plan). Questo Piano, che analizza l’esposizione ai rischi e la strategia di adattamento ai cambiamenti climatici da parte delle PMI, ha rappresentato un primo passo verso il complessivo Piano di adattamento della Città.

Grazie al progetto sono state realizzate le seguenti azioni:

A progetto concluso tutti i partner hanno sottoscritto un “Accordo” al fine di di continuare a diffondere a livello nazionale i suoi obiettivi attraverso attività di disseminazione dei risultati.

A livello locale è stato firmato un “Protocollo d’Intesa” tra la Città di Torino e altri Enti, associazioni di categoria, le utilities, le organizzazioni, le associazioni ed i vari portatori di interesse, che a vario titolo si occupano di beni comuni, per la prosecuzione delle politiche di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici presenti nel territorio cittadino, metropolitano e regionale.

Se vuoi approfondire puoi consultare la pagina dedicata al progetto sul sito web della città di Torino.

Notizie Correlate

30 Ago 2021
VERDECITTÀ arriva a Torino: da venerdì 3 a domenica 5 settembre il progetto del Mipaaf (Ministero delle politiche agricole alimentari... Leggi di più
09 Ago 2021
Riqualificare il quartiere sperimentando soluzioni volte a contrastare l’effetto isola di calore e utili alla gestione delle acque piovane e... Leggi di più
09 Ago 2021
Proseguono nel mese di agosto le attività nei mercati delle Sentinelle Salvacibo per RePoPP, progetto sostenuto da Città di Torino,... Leggi di più