C-Roads Italy 2, strada e veicolo connessi per migliorare la gestione del traffico. Presentati i dati della sperimentazione torinese

Potremo adeguare la velocità della nostra auto, o la stessa lo farà autonomamente, per raggiungere il semaforo nel momento in cui scatta il verde, così come potremo essere avvertiti prima di violare il rosso, o addirittura quando un altro veicolo è a rischio di farlo coinvolgendoci in un incidente.

Soluzioni rese possibili dall’utilizzo di tecnologie e applicazioni – come già succede per la priorità riservata ad ambulanze, mezzi della polizia e di soccorso o quando riceviamo in tempo reale informazioni su parcheggi, traffico e indicazioni sul percorso migliore – che consentono uno scambio di dati efficace tra veicoli e veicoli o tra veicoli e infrastrutture, attraverso l’utilizzo di sistemi intelligenti di trasporto.

Alcuni di questi servizi sono stati implementati nell’ambito del progetto C-Roads Italy 2, grazie a test pilota svoltisi anche a Torino e i cui risultati, al pari di quelli del gemello C-Roads Italy 3, sono stati presentati oggi a Verona nel corso dell’evento conclusivo : “I sistemi C-ITS applicati alla mobilità urbana e autostradale”.

La nostra città, insieme a Verona e Trento, era stata individuata dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (MIT) come partner nel progetto e sede dove integrare le soluzioni tecnologiche, grazie alla consolidata esperienza nella gestione di servizi e sistemi intelligenti di trasporto per la mobilità urbana.

Grazie a “C-Roads Italy 2”, Torino ha potuto estendere la propria infrastruttura con i “sistemi cooperativi ITS” (Cooperative ITS) e sperimentare servizi altamente innovativi, che facilitano la condivisione di informazioni in tempo reale tra la Centrale della Mobilità e i veicoli connessi su strada, a beneficio di una maggiore sicurezza stradale di tutti coloro che si muovono in città.

Il progetto, il cui coordinamento tecnico e operativo era in capo a 5T, società in-house della Città di Torino che gestisce la Centrale della Mobilità e dell’Infomobilità cittadina, ha permesso, tra l’altro, l’implementazione del servizio GLOSA (Green Light Optimal Speed Advisory) con il posizionamento di nuove antenne agli incroci di alcuni assi viari e di valutarne le perfomance e gli impatti sui flussi di traffico e di sperimentare servizi altamente innovativi, che faciliteranno la condivisione di informazioni in tempo reale con i veicoli connessi su strada indirizzandoli su assi alternativi in occasione di eventi che possano perturbare la viabilità e a beneficio di una maggiore sicurezza stradale di tutti coloro che si muovono in città.

I progetti C-Roads Italy 2 e C-Roads Italy 3, coordinati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con il supporto di North Italy Communications quale project management, sono co-finanziati dalla Commissione Europea attraverso il programma Connecting Europe Facility (CEF), e hanno l’obiettivo di studiare, implementare e testare, in condizioni reali di traffico autostradale e urbano, i sistemi C-ITS (Cooperative Intelligent Transport Systems).

I sistemi C-ITS permettono uno scambio di dati, attraverso tecnologie wireless, tra elementi e attori del sistema di trasporto, ovvero tra veicoli (V2V) e tra veicoli e infrastruttura (V2I), consentendo un miglioramento significativo della sicurezza stradale, dell’efficienza del traffico e del comfort di guida, aiutando il conducente a prendere le decisioni ottimali e adattarsi alle situazioni di traffico reali, attraverso una serie di messaggi (casi d’uso), facenti parte dei servizi “Day1” e “Day1.5”, definiti dalla Commissione europea, che arrivano direttamente a bordo veicolo.

I progetti C-Roads Italy 2 e C-Roads Italy 3, sono inquadrati nell’ambito della Piattaforma europea “C-Roads” al cui interno sono presenti 16 Stati membri (Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svezia, Olanda, Grecia e Italia) e due Paesi non UE, Regno Unito e Norvegia. L’obiettivo principale della “C-Roads Platform” consiste nella definizione e armonizzazione dei requisiti funzionali, tecnici e organizzativi volti a garantire l’interoperabilità dei servizi C-ITS nel settore stradale tra i vari progetti pilota nazionali in tutta Europa a essa collegati.

Il dibattito odierno ha evidenziato e validato i progressi raggiunti, oltre ad anticipare le prossime sfide legate alla mobilità interconnessa e ai vantaggi raggiungibili in termini di migliore sicurezza stradale, maggiori efficienze dei trasporti, ridotti consumi energetici e minori effetti negativi sull’ambiente.

Una sfida collegiale che deve passare ora rapidamente dalla fase di sperimentazione a quella di esercizio e che vede gli operatori e le imprese italiane in prima linea a livello continentale per fornire servizi ad alta innovazione a chi viaggia in autostrada, ma anche a chi si muove all’interno dei centri abitati.

Il tutto per garantire agli utenti una maggiore informazione, coordinando ed efficientando le diverse realtà pubbliche e private coinvolte e coinvolgibili, non dimenticando anche i possibili benefici economici che possono derivarne per il mercato interno e a vantaggio di una maggiore competitività italiana.

Notizie Correlate

19 Dic 2023
Facilitare l’accesso alle attività e agli eventi culturali da parte di tutti rimuovendo qualsiasi barriera di accesso – socio-culturale, geografica,... Leggi di più
14 Dic 2023
Primo successo per il progetto “MaaS ToMove” del programma MaaS4italy del Comune di Torino con la conclusione dell’avviso per la selezione di... Leggi di più
05 Dic 2023
Pedali e fai del bene all’ambiente. E ci guadagni. Non solo in salute, perchè i chilometri percorsi in sella a... Leggi di più