Torino Mobility Lab, via agli interventi strutturali

Saranno approvati entro la fine dell’anno i progetti esecutivi degli interventi strutturali previsti dal Torino Mobility Lab, il piano della Città di Torino studiato per favorire gli spostamenti da casa a scuola e da casa al lavoro, a piedi e in bicicletta, nel quartiere di San Salvario, in particolare nella zona compresa tra corso Vittorio Emanuele II, via Nizza, corso Bramante e corso Massimo D’Azeglio.

Con l’obiettivo di rendere più sicuri l’ingresso e l’uscita da diversi edifici scolastici – le scuole d’infanzia Bay e Lugaro, la scuola primaria Pellico, il complesso Regina Margherita/Giulio e l’istituto comprensivo Manzoni – lungo una serie di vie e di piazze verrà limitato il traffico delle auto e ampliato lo spazio pedonale.Il medesimo provvedimento interesserà altre zone molto frequentate come gli spazi antistanti il teatro Colosseo in via Madama Cristina e la sede dell’Asai in via Lombroso.

Una completa riorganizzazione riguarderà corso Marconi dove verrà pedonalizzato un tratto del viale centrale tra via Madama Cristina e corso Massimo D’Azeglio, mentre sui controviali la velocità sarà limitata a 20 km/h. L’intervento, che prevede una rimodulazione dell’asse viario anche attraverso l’utilizzo di soluzioni di urbanistica tattica con la pittura a più colori della pavimentazione e la posa di panchine ed elementi di arredo urbano, si propone di rendere più belli e fruibili spazi che prima erano occupati dal solo traffico veicolare, creando vere e proprie isole di socialità a disposizione di bambini, giovani, adulti e anziani.

Per i lavori, finanziati grazie ai fondi governativi del cosiddetto Collegato Ambientale, è prevista una spesa di circa 400mila euro.

Tra gli interventi strutturali del Torino Mobility Lab anche la costruzione della nuova ciclostazione di Porta Nuova, in via di realizzazione, i cui lavori si concluderanno nella prossima primavera. Potrà ospitare più di cento biciclette in stalli a doppia altezza, sei bici elettriche con possibilità di ricarica e sarà dotata di una ciclofficina per le piccole riparazioni. L’edificio, avrà l’ingresso su via Nizza, sarà accessibile 24 ore su 24 attraverso tornelli e grazie ad una apposita applicazione telefonica e sarà videosorvegliato da telecamere.

Inoltre, per garantire a residenti e dimoranti un posto auto nelle ore serali e notturne, a partire da febbraio del prossimo anno verranno tracciati i nuovi stalli giallo blu per la sosta.

Notizie Correlate

19 Dic 2023
Facilitare l’accesso alle attività e agli eventi culturali da parte di tutti rimuovendo qualsiasi barriera di accesso – socio-culturale, geografica,... Leggi di più
14 Dic 2023
Primo successo per il progetto “MaaS ToMove” del programma MaaS4italy del Comune di Torino con la conclusione dell’avviso per la selezione di... Leggi di più
05 Dic 2023
Pedali e fai del bene all’ambiente. E ci guadagni. Non solo in salute, perchè i chilometri percorsi in sella a... Leggi di più